opzioni

parole

Attenzione: per una visualizzazione corretta della pagina, abilitare javascript. Di seguito è visualizzato il contenuto accessibile, tuttavia diverse funzionalità non saranno disponibili.
Viaggio in Myanmar

Viaggio in Myanmar
Myanmar (Birmania)

"I viaggiatori sono soltanto coloro
che partono per partire, col cuore lieve,
simile a un pallone; non si separano mai
dal loro destino e, senza sapere perché,
dicono sempre: andiamo!
"
(Charles Baudelaire - I fiori del male)

In effetti sono partito per questa meta seguendo un po' lo spirito della frase di Baudelaire: il paese che inizialmente mi ero prefisso di visitare era un altro ma alcuni intoppi dell'ultimo momento mi hanno fatto cambiare destinazione. Sono andato senza documentarmi troppo, fidandomi solo dell'opinione entusiasta di altri viaggiatori, per avere il piacere di scoprire giorno dopo giorno questo splendido posto.
Gli scatti che presenterò da oggi, spero riescano a far capire quello che ha significato per me questa esperienza: un enorme sorriso distribuito sui volti della gente che ho incontrato!
continua a leggere

Le foto di Reflectiva sulla mappa satellitare
News

Oggi introduco un'opzione che mostra il posizionamento sulla mappa satellitare delle foto presenti su Reflectiva, in particolar modo di quelle dei viaggi.
Purtroppo non tutte le 1049 foto (questo il numero allo stato attuale delle immagini presenti in questo photoblog) sono state posizionate, soprattutto se si tratta di luoghi naturalistici sperduti o paesini sconosciuti, incontrati durante il tragitto (penso ad esempio alla Mongolia o al Tibet).
Ho preferito segnalare esclusivamente quelle immagini di cui sono sicuro della loro ubicazione, omettendo i posizionamenti eccessivamente approssimativi.
continua a leggere
Piste sterrate e UAZ

Piste sterrate e UAZ
Mongolia

La Mongolia è un mondo a parte e come tale anche le regole per muoversi sono diverse!
Se negli altri paesi si sono imposti i modelli 4x4 di note case automobilistiche giapponesi, in Mongolia la macchina che più si adatta alle esigenze dei viaggiatori è la UAZ. E non tutte le UAZ, godono di tale privilegio: solo i modelli storici, prodotti negli anni '60, resistono a qualsiasi attacco da parte della concorrenza.
continua a leggere
Viaggio in Mongolia

Viaggio in Mongolia
Mongolia

Steppa, steppa... e ancora steppa!
E poi deserto, rocce, sassi, cavalli, cammelli, capre, pecore, gher, nomadi...
Elementi che si manifestano ciclicamente lungo il tragitto, diluiti da enormi distanze, così grandi che non si possiede più il senso della misura né una cognizione d'insieme, poiché tutto è fuori dalla portata di un uomo.

A volte arriva un leggero senso di sconforto, causato dall'eccessiva desolazione. Ma quel ritmo monotono ti ipnotizza lentamente, si aggancia ai tuoi pensieri e improvvisamente ti fa sentire a casa, nonostante tutto intorno sia palesemente estraneo.
continua a leggere
Cremazioni sul Gange (Varanasi)

Cremazioni sul Gange (Varanasi)
India del Nord

In questa immagine si vede il fumo di una pira in lontananza: sono le famose cremazioni che, senza interruzione, si susseguono sulle rive del Gange.
Non ho fatto fotografie ravvicinate per rispetto della cerimonia e del dolore dei parenti; è però possibile assistere a tutto il rituale, recandosi a piedi sul ghat e restando in disparte.
continua a leggere
India del Nord

India del Nord
India del Nord

Finalmente in India!
Ho sempre guardato a questa meta con un misto di curiosità e timore. Un paese talvolta difficile da comprendere (e digerire), dove i bei monumenti da soli non spiegano il perché tanti viaggiatori restino intrappolati dal suo fascino.
É infatti la gente che ci abita a fare dell'India un luogo unico al mondo, che potrebbe essere visitato tranquillamente senza passare per il Taj Mahal o i templi di Khajuraho.

Arrivo in mattinata a New Delhi, stanco del viaggio durato un giorno intero, ma la voglia di camminare per le strade mi dà una tale carica da iniziare il mio giro immediatamente.
Mi reco a Chandni Chowk, il bazar vicino alla famosa Moschea del Venerdì. Qui mi immergo nella folla, i miei vestiti si impregnano di odori forti, a volte nauseabondi, i miei capelli si impolverano e il caldo rende tutto più faticoso. Siamo in bassa stagione, non ci sono turisti, così vengo additato subito dalla gente che non mi lascia scampo: venditori, mendicanti, bambini... tutti chiedono qualcosa, tutti propongono affari interessanti. Con un sorriso che a stento riesco a trattenere, penso: finalmente inizia il viaggio!
continua a leggere
Viaggio in Namibia

Viaggio in Namibia
Namibia

La polvere addosso, il vento che strazia la tenda, la superiorità degli Himba, la scontrosità degli Herero, l'operosità degli Ovambo, l'elefante che ti guarda minaccioso, i leoni che dormono sempre, i vetri della macchina rotti, la gomma a terra, i bambini scalzi, i canti tribali dei villaggi in lontananza...
continua a leggere
Viaggio in Egitto

Viaggio in Egitto
Egitto

"Il ragazzo si alzò con difficoltà e,
una volta ancora, guardò le Piramidi.
Queste gli sorrisero: e lui, con il cuore
colmo di felicità, ricambiò il sorriso.
Aveva trovato il tesoro.
"
(Paulo Coelho - L'Alchimista)

Mi è subito balzata in mente questa frase di Paulo Coelho, quando ho visitato le famose Piramidi. Peccato che, a differenza del protagonista del romanzo, non abbia vissuto quel momento con la stessa poesia e lo stesso stato d'animo.
continua a leggere
Dibattito teosofico

Dibattito teosofico
Tibet

Una delle cose più particolari a cui abbia assistito: il dibattito "teosofico" dei monaci del monastero di Sera.
continua a leggere
I bambini del Tibet

I bambini del Tibet
Tibet

Una parentesi devo dedicarla necessariamente ai soggetti più entusiasti di farsi fotografare: i bambini!
continua a leggere
Tibet - Il tetto del mondo

Tibet - Il tetto del mondo
Tibet

Il viaggio, iniziato con la Cina, è proseguito verso la sua destinazione finale: il Tibet.
continua a leggere
Viaggio in oriente

Viaggio in oriente
Cina

Il primo Agosto 2006 ho preparato lo zaino e sono partito per diversi giorni in oriente. Il mio viaggio è iniziato con la Cina, per poi proseguire con la vera destinazione finale: il Tibet (di cui parlerò e mostrerò le foto a breve).
Un'esperienza indimenticabile dove, grazie alla costante presenza della mia reflex, ho realizzato un totale di 1123 scatti! Qui sul photoblog pubblicherò una piccola selezione di queste foto (sarebbe impossibile mostrarle tutte), sperando che comunichino, almeno in parte, quello che questo viaggio ha significato per il sottoscritto.
continua a leggere
1
Totale elementi: 12